Tasse più alte sono inevitabili, afferma il primo ministro Rutte | ADESSO

Ci saranno inevitabilmente aumenti delle tasse nel prossimo bilancio, ha affermato giovedì il premier Mark Rutte in conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri. “I grandi problemi che vediamo ora sono impossibili da risolvere spendendo da soli”, ha detto il primo ministro.

I partiti della coalizione VVD, D66, CDA e CU negozieranno il budget nelle prossime settimane. Il cosiddetto memorandum di primavera deve essere inviato alla Camera dei Deputati entro il 1 giugno.

Rutte ha già fornito una panoramica di questi negoziati giovedì e ha annunciato che le accuse sarebbero comunque aumentate. Ha sottolineato che sul tavolo c’è ancora un pacchetto da 3 miliardi di euro di tagli alle tasse, accordo che nasce dall’accordo di coalizione.

“Questo denaro non è stato ancora distribuito. Ma non ho intenzione di fingere che nessun onere aumenterà”, ha detto.

L’elevata inflazione e la guerra in Ucraina significano molte spese extra per il governo per garantire che il potere d’acquisto degli olandesi non diminuisca troppo drasticamente.

Inoltre, c’è una sentenza della Cassazione sui risparmiatori che hanno pagato troppe tasse nel 2017 e nel 2018. Per questo devono essere risarcite, che possono costare fino a 7 miliardi di euro. Inoltre, c’è sempre un dibattito su una pensione più alta per gli anziani e più soldi per la difesa.

Tutte queste cose significano che il governo deve cercare miliardi in più di quanto si aspettasse quando il budget è stato annunciato il giorno del bilancio. “Tutto questo non può essere risolto spendendo meno”, ha detto Rutte giovedì.

Eufemia Candreva

"Guru del bacon. Appassionato di Twitter in generale. Appassionato di cibo. Risolutore di problemi pluripremiato. Fanatico del caffè per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.