Raccolta mediatica: “Il Feyenoord si è premiato con ricordi eterni” | ADESSO

I giornali olandesi hanno concluso il giorno dopo la sconfitta del Feyenoord nella finale di Conference League contro l’AS Roma che la squadra di Rotterdam non poteva competere tatticamente con l’allenatore Jose Mourinho. Tuttavia, la performance europea è apprezzata. Mourinho riceve tutti gli elogi dai media italiani.

“La finale di Tirana come slancio finale della stagione si è rivelata paralizzante. Fatta eccezione per i primi cinque minuti e gli appariscenti venti minuti subito dopo la pausa, la squadra non è riuscita a liberarsi dell’ansia. Piena fiducia la squadra ha perso quello che il Feyenoord aveva fatto per tutta la stagione”, ha scritto Il telegrafo Giovedì.

Il giornale vede molte prospettive per la squadra dell’allenatore Arne Slot. “Il Feyenoord si è premiato con ricordi eterni. Anche se inestimabile, ma ha un sapore di più. Lascia che questo sia il punto di partenza per vincere un premio principale la prossima stagione”.

Anche ANNO DOMINI concludere che il Feyenoord non ha avuto risposta al gioco della Roma. “La finale non è stata un vero e proprio pezzo finale. Era faggio su un muro romano che non sarebbe caduto nella soffocante Tirana”, scrive il quotidiano.

“A metà della finale, Arne Slot doveva essersi sentito come Louis van Gaal o Peter Bosz. Concludere la partita in una battaglia finale contro una squadra di Jose Mourinho spesso si è rivelato un compito impossibile”.

“C’è un nuovo orgoglio e simpatia intorno al Feyenoord”

Secondo di Volkskrant la sconfitta per 1-0 non è solo tattica. “Fyenoord ha giocatori con molto potenziale, come Malacia, Geertruida e Sinisterra, ma anche molta mediocrità. Ha commesso troppi errori individuali e non è riuscito a creare una tempesta duratura verso la porta della Roma”.

Nonostante la dolorosa sconfitta di Tirana, i giornali apprezzano la prestazione del Feyenoord in Europa. “Perdere una finale europea è amara, ma il Feyenoord può rapidamente trarre conforto dalla consapevolezza di aver ottenuto prestazioni ben oltre le aspettative in Europa”, riferisce lealtà

“Il lungo viaggio attraverso l’Europa verso nove stazioni ha cambiato radicalmente l’atmosfera intorno al club, passando dal cinismo e dall’oscurità dell’anno scorso a un ritrovato orgoglio tra i tanti fan e simpatia nel resto del paese”.

Mourinho può trasformare una squadra mediocre in una regina

Anche in Italia si è concluso che la finale non era di altissimo livello, ma questo non è stato considerato per molto tempo. “La Conference League non assomiglia alla Champions League, lo sappiamo. Ma è molto importante per l’Italia, la Roma e la città di Roma”, riporta La Gazzetta dello Sportche chiama l’importante successo per il calcio italiano.

“Purtroppo l’Italia non andrà ai Mondiali e solo Dio sa quanto ci fa male, ma vincere questa coppa dimostra che non è un caso che siamo diventati campioni d’Europa l’anno scorso. Il nostro calcio è di nuovo vincente, anche con un club in Europa.”

La Repubblica dare pieno merito a Mourinho. “C’era solo un uomo che poteva farlo. Può trasformare una squadra mediocre in regine. Mourinho ha impiegato un anno per aiutare la Roma a vincere un premio dopo 14 anni e rimettere in carreggiata l’Europa. mappa”.

Anche, pure Corriere della Sera elogia Mourinho. “E’ un successo per il futuro. C’è una certa maturità nella rosa. Sotto l’indomito ea volte eccessivo Mourinho, la Roma non sta giocando molto meglio di un anno fa, ma la rosa è molto più collettiva”.

Jose Mourinho vuole sapere: ha vinto cinque premi europei come allenatore.


Jose Mourinho vuole sapere: ha vinto cinque premi europei come allenatore.

Jose Mourinho vuole sapere: ha vinto cinque premi europei come allenatore.

Foto: Scatti professionali

Fausto Romano

"Pensatore sottilmente affascinante. Organizzatore. Creatore. Devoto fanatico degli zombi. Guru del Web. Comunicatore certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.