Quanto costa un serbatoio di gas ora che i prezzi del carburante hanno raggiunto un nuovo massimo

© Stock

I prezzi del carburante continuano a crescere costantemente, anche se l’aumento dei prezzi del diesel sembra stabilizzarsi in qualche modo. Secondo i dati dell’EU Petroleum Bulletin pubblicati giovedì, il prezzo medio di un litro di benzina questa settimana è già di 1,94 euro, un nuovo record nella storia della Spagna.

Quarta settimana consecutiva

Questa è la quarta settimana consecutiva in cui il prezzo della benzina ha battuto i record. I prezzi indicati non tengono conto dello sconto di 20 centesimi promosso dal governo spagnolo e applicato dal 1 aprile. Il riempimento di un serbatoio medio da 55 litri ora costa 106,7 euro (95,7 euro con lo sconto).

Rispetto alla scorsa settimana, il prezzo della benzina è aumentato del 2,2% e da quando è entrato in vigore il sostegno del governo l’aumento è del 6,7%. I prezzi della benzina sono aumentati del 38,3% finora quest’anno.

Prezzi diesel più stabili

A differenza dei prezzi della benzina, i prezzi del diesel sono nuovamente diminuiti questa settimana. Il diesel ora costa in media 1,87 euro al litro (esclusi i sussidi governativi) rispetto a 1,89 della scorsa settimana, che rappresenta un calo dell’1,1%. Con questi prezzi, fare un pieno di benzina in media costa 102,85 euro (91,85 con gli sconti).

Dopo il picco di 1,91 euro al litro il 9 maggio, il prezzo del diesel si è stabilizzato su un livello paragonabile a quello dell’entrata in vigore degli sconti. Tuttavia, quest’anno il prezzo del diesel è aumentato più di quello della benzina.

I prezzi stanno aumentando di più in Spagna che nel resto d’Europa

Da quando gli sconti sui carburanti sono entrati in vigore il 1° aprile, i prezzi in Spagna sono aumentati maggiormente nei paesi europei limitrofi. Da allora i prezzi della benzina sono diminuiti dell’1,6% in Francia e dello 0,1% in Italia, dell’1,3% in Germania e in media del 3% nei paesi dell’UE. In Spagna, la benzina è ora più costosa del 6,7% rispetto al 1° aprile.

Nel caso del diesel, le differenze sono ancora maggiori. In Spagna il diesel costa l’1,6% in più rispetto a prima dell’introduzione degli sconti, mentre in Francia i prezzi sono scesi del 12,5%, in Germania del 7,8%, in Italia del 2%, in Portogallo dell’11,5% e nell’UE nel suo insieme 5,4%.

Cosa succede all’olio?

Gli ultimi mesi hanno visto sviluppi significativi nei mercati del petrolio, la materia prima da cui viene prodotta la benzina. Dal 1 aprile un barile di Brent (prezzo di riferimento in Europa) costa in media 111,1 dollari, contro i 108,2 dollari tra quella data e l’invasione russa dell’Ucraina. La materia prima è ora del 2,6% in meno rispetto a allora.

dollaro forte

Tuttavia, un altro fattore ha contribuito al rialzo del prezzo del petrolio: il rafforzamento del dollaro nei confronti dell’euro. Gli ultimi dati diffusi dalla Banca Centrale Europea (Bce) mostrano che un dollaro è attualmente scambiato contro 93 centesimi di euro. Il 1 aprile il tasso di cambio era di 90 centesimi. Ciò ha un impatto diretto sui prezzi della benzina, poiché i mercati internazionali acquistano e vendono petrolio greggio Brent in dollari, non in euro.

La misura deve rimanere?

L’evoluzione dei prezzi dei carburanti dopo l’applicazione degli sconti e le critiche che ha ricevuto il provvedimento – la Banca di Spagna ha evidenziato che i redditi più alti beneficiano quasi il doppio dei redditi più bassi – ha messo in dubbio il mantenimento del provvedimento. La benzina ora costa 12 centesimi al litro in più rispetto a quando sono entrati in vigore gli sconti, per soli tre combustibili. Gli sconti saranno in vigore fino al 30 giugno, ma il governo deve decidere se estendere o meno il provvedimento oltre tale data. Il primo vicepresidente e ministro dell’Economia Nadia Calviño è stato interrogato sulla questione per settimane. E finora, la risposta non è cambiata molto.

“Stiamo analizzando tutte le misure per vedere quali dovrebbero essere prorogate oltre il 30 giugno, quali non hanno più senso e quali dovrebbero essere adattate”, ha detto martedì de Calviño dopo il Consiglio dei ministri. L’organismo incaricato dell’analisi è la Commissione nazionale per i mercati e la concorrenza spagnola (CNMC), che finora non ha pubblicato un rapporto pubblico che identificasse la frode sugli aiuti.

Vegliantino Trevisani

"Analista. Esperto di alcolici. Orgoglioso appassionato di Internet. Lettore incredibilmente umile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.