Plooij si aspetta la vittoria della Red Bull in Canada: “La Ferrari deve fare un passo indietro”

Giovanni Bolscher

La Formula 1 torna in Canada questo fine settimana per la prima volta dal 2019. La Ferrari deve rimediare dopo la delusione di Baku, ma Jack Plooij si aspetta che la Red Bull Racing “si allontani di nuovo dal pasticcio”.

Il Canada è una destinazione popolare per molti appassionati di Formula 1, ma la gara di Montreal è stata afflitta dalla pandemia negli ultimi due anni. Quest’anno, tuttavia, il Circuit Gilles-Villeneuve è tornato nell’elenco delle destinazioni, e questo fa piacere a Plooij: “Il Canada è fantastico! La gara più bella”, dice parlando con Tifosi GPF avvicinandosi al Gran Premio del Canada. “È da lì che ho iniziato. La prima gara che mi è stato permesso di fare dal vivo nel 1998? Forse 24 anni fa o qualcosa del genere. Lì mi è stato permesso di volare in business class per la prima volta, è solo una sezione separata su un aereo. L’ho fatto sappi che non lo sapevo affatto”, ha detto con un sorriso.

Doppia gara Red Bull Racing

Non c’è una risposta immediata alla domanda su chi ha le carte migliori: “Non lo so, amico. Certo, la Ferrari non ha mai il tempo di risolvere questo problema, quindi devono fare un passo indietro”. Con questo il giornalista di Grand Prix Radio fa riferimento al doppio DNF della superpotenza italiana a Baku. Carlos Sainz si è ritirato per un problema ai freni, mentre Charles Leclerc ha visto la sua bici in panne. “Potrebbero anche non essere in pole, la Red Bull è su una curva positiva, faranno un doppio in questo momento? Difficile. Penso che abbiano ottime possibilità perché cosa puoi fare in quei tre giorni? Niente”. “

La Red Bull Racing ha riscontrato problemi di affidabilità anche nella fase di apertura della stagione, dopodiché a Imola sono stati introdotti numerosi aggiornamenti, anche se non è stato un weekend adatto a questo. Anche la Ferrari adotterà un approccio così progressista? “Molto dipende da come i capi di una squadra decidono insieme”, dice Plooij. “La Red Bull è molto progressista. La Ferrari potrebbe essere stata troppo progressista e ora deve fare un passo indietro. Quindi il conto è che non guidi più davanti. Devi farlo o continui a scommettere lì sopra. Non lo so, ma lo vedrai subito al primo o al secondo turno di prove libere”.

Jack Ploij

I primi tre

L’ex reporter ai box si aspetta che la Red Bull Racing continui la linea forte delle ultime settimane: “Penso che la Red Bull ricomincerà. Se continui su questa linea, Max e Perez si allontaneranno di nuovo da tutto il pasticcio. La Ferrari non può gareggeranno, saranno solo terzi. La Mercedes era due secondi più lenta a Baku, quindi stanno entrando in campo”. I primi tre? “Diciamo, Max, Perez e daremo un podio a Lewis? Sì, perché Lewis sta combattendo dopo un infortunio molto grave”, ha intervenuto strizzando l’occhio.

Teofila Baresi

"Creatore. Secchione della birra sottilmente affascinante. Devoto fanatico degli zombi. Scrittore. Difensore malvagio dei social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.