Nuovo design, nuovo nome e tecnologia olandese: apertura del ponte di Genova

Stasera verrà inaugurato il nuovo ponte vicino alla città italiana di Genova. Il vecchio ponte Morandi è crollato quasi due anni fa, le auto e i camion che l’hanno attraversato nel momento fatale sono scomparsi negli abissi. 43 persone sono morte.

In meno di un anno e mezzo fu progettato e costruito un nuovo ponte, con un nuovo nome: il ponte San Giorgio, intitolato a uno dei santi protettori di Genova. La nuova costruzione deve essere soprattutto più solida della precedente, per evitare una seconda tragedia.

Secondo i media italiani, il nuovo ponte sarà la costruzione meglio monitorata in Europa. È qui che entra in gioco la tecnologia olandese. I sensori di fabbricazione olandese saranno posizionati sul ponte per avvisare se qualcosa non va nella struttura del ponte.

Jac Gofers è l’amministratore delegato di Somni all’Aia. Nel NOS Radio 1 Notizie Gofers ha detto che i sensori saranno posizionati sui pilastri su cui è costruito il ponte. In caso di modifiche alla struttura si può decidere di intervenire, effettuare manutenzioni o chiudere il ponte in caso di maltempo.

Il corrispondente Mustafa Marghadi ha parlato con uno dei suoi parenti della sua visione del giorno del disastro:

Vegliantino Trevisani

"Analista. Esperto di alcolici. Orgoglioso appassionato di Internet. Lettore incredibilmente umile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.