Niente Senesi per Mancini, ma in Italia c’è Oristanio (Volendam) e Quagliata (Eracle) | sport

Mancini non si è qualificato per i Mondiali 2022 con l’Italia, ma l’allenatore della nazionale dei campioni d’Europa dello scorso anno ottiene tempo e spazio dalla Federcalcio italiana per formare una nuova squadra giovane. In questo contesto, Mancini chiama ben 53 talenti che vorrebbe vedere all’opera da vicino. Si alleneranno da martedì 24 maggio a giovedì 26 maggio a Coverciano, dove la Nazionale italiana risiede ancora nel proprio Paese. ,,Questa formazione è la prima di una traiettoria che la federazione italiana ha deciso di intraprendere, di concerto con le leghe e i club, con l’obiettivo di facilitare il passaggio delle nazionali giovanili alla prima selezione e stabilire basi di giocatori idonei a crescere, “, ha detto l’associazione.

L’Italia giocherà la partita internazionale contro l’Argentina a Wembley mercoledì 1 giugno, ma non è stata ancora annunciata alcuna selezione per questa partita. Potrebbero quindi esserci spazio anche per i talenti che fanno impressione durante il percorso formativo.

Sono stati convocati per lo stage 29 calciatori di Serie A e 18 di Serie B, oltre a sei attivi all’estero. Di questi sei, due sono attivi nei Paesi Bassi. Gaetano Oristanio (19) è stato ceduto in prestito dall’Inter all’FC Volendam in questa stagione, promosso numero due in Eredivisie. Il playmaker sinistro è stato bravo per sette colpi e un assist in 35 partite.

Giacomo Quagliata deve recuperare la sconfitta per 3-0 contro l’Excelsior con l’Heracles sabato sera per evitare la retrocessione. In caso contrario, può riferire a Coverciano martedì. Il 22enne terzino sinistro del Palermo gioca nell’Almelo da gennaio 2020, dove ha segnato un gol e cinque assist dopo 57 partite.

Il club più rappresentato è il Genoa (sei giocatori), seguito da Milan, Empoli e Cremonese (quattro giocatori). I talenti dell’AS Roma non sono stati convocati perché potrebbero giocare un ruolo mercoledì prossimo nella finale di Conference League contro il Feyenoord a Tirana.

Fausto Romano

"Pensatore sottilmente affascinante. Organizzatore. Creatore. Devoto fanatico degli zombi. Guru del Web. Comunicatore certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.