News Univé: derubato in vacanza!

Maaike Hoeksma e Arnold Boonstra sono stati derubati il ​​primo giorno della loro vacanza. Erano appena arrivati ​​alla loro casa di vacanza italiana quando la loro auto è stata sventrata. Maaike non aveva altro che i vestiti da spiaggia con cui andava per mare. “Eccomi lì, in bikini”.

vacanza romantica

Adesso possono riderci sopra, insieme al tavolo, davanti al computer. Una foto di Maaike appare accanto a un contenitore aperto. È nella foto con l’espressione triste che si addice a un evento del genere. “E quello quando tutto era andato bene”, dice Arnold. Mostra una mappa sul suo tablet. Lì, sulla costa sotto Livorno, si trova Marina di Cecina. Nelle vicinanze c’era la casa dove avrebbero trascorso una vacanza romantica.

Bloccato in modo sicuro
Il viaggio in macchina è andato così bene che sono arrivati ​​anche troppo presto. Quindi prima sono andati in spiaggia. “Abbiamo parcheggiato qui” Arnold indica Google Maps. Dietro il parcheggio si allunga la spiaggia e il mare Maaike: “Mi sono messo il bikini nuovo, abbiamo chiuso il passaporto e il portafoglio al sicuro nel vano portaoggetti”.

Quindi tutto ciò che sentivo era la sconfitta

La depressione

Dopo due ore in spiaggia, era ora di fare il check-in nella loro cabina. Sono tornati alla loro macchina e l’hanno vista subito. Maaike: “Il finestrino era rotto, mancava il frigorifero tra i sedili anteriori e c’era un’etichetta sul pavimento. Fu solo allora che lo vidi; anche la mia valigia è stata rubata. L’abbiamo messo sul sedile posteriore perché non entrava nel bagagliaio accanto alla valigia di Arnold. Poi tutto ciò che ho sentito è stata la sconfitta. I miei migliori vestiti estivi, la mia maglietta preferita, è tutto finito.

Bikini
Maaike mostra il capo di abbigliamento che stava cercando: “Guarda, ce l’ho ancora, indossavo quel bikini. Ecco dov’ero! Non mi era rimasto altro che un vestito da spiaggia. Nel parcheggio ho visto alcuni container, sono andato da loro. L’ultimo della fila era aperto e indovina un po’? La mia valigia! Ma sì, il contenuto era sparito. Arnold: “Nel frattempo, stavo chiamando la compagnia di assicurazioni, che mi ha consigliato di fotografare l’auto e sporgere denuncia. Poi siamo andati prima a casa nostra.

Contento
Arrivati ​​lì, hanno ricevuto aiuto dalla famiglia del proprietario. Sono andati alla stazione di polizia per interpretare il rapporto. Arnold: “Fortunatamente il vano portaoggetti non era stato fratturato, quindi avevamo ancora le nostre mappe”. Così trascorsero i primi giorni di vacanza; compra cose nuove, prendi la macchina e metti tutto in ordine. Maaike: “Siamo riusciti a continuare la nostra vacanza. Contento! Perché non stai contando che qualcosa del genere accada. Staremo più attenti d’ora in poi. Non lasciare nulla di visibile in macchina…” Ride: “E non più una valigia così grande che non sta nel bagagliaio!

Informazioni sull’assicurazione di viaggio? Allora visita lo store Univé o contattaci telefonicamente allo 088-1815000

Vegliantino Trevisani

"Analista. Esperto di alcolici. Orgoglioso appassionato di Internet. Lettore incredibilmente umile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.