Mathieu van der Poel si prende un anno sabbatico come mountain biker

video

Mathieu van der Poel si prende un anno sabbatico dalla mountain bike in questa stagione. Il leader del Giro d’Italia ha deciso, d’intesa con la sua squadra Alpecin-Fenix, di concentrarsi quest’anno completamente sul ciclismo su strada. “Nel 2023 l’intenzione è quella di riprendere la routine della mountain bike”, afferma CiclismoFlash

L’intenso programma stradale di Van der Poel, in particolare, è alla base di questa decisione. Nel 2023 si concentrerà nuovamente sulla mountain bike. “Allora voglio lavorare per le Olimpiadi di Parigi”, dice MVDP su. Ha ancora un account aperto con i Giochi. Il 27enne olandese ha fatto un’offerta per una medaglia d’oro la scorsa estate, ma dopo un’inversione a U è caduto duramente quando il tanto discusso board del Sakura Drop era sparito. Tom Pidcock è stato incoronato campione olimpico a Tokyo.

Non sorprende che Van der Poel voglia continuare i suoi piani per la mountain bike dopo il 2022. L’obiettivo in carriera dell’olandese è vincere il titolo mondiale in tutte e tre le discipline (ciclocross, strada e mountain bike). All’Alpecin-Fenix ​​hanno deciso di non dedicarsi per un po’ alla mountain bike. Solo dopo un po’ il pilota e il team si siedono per discutere i dettagli della campagna olimpica di mountain bike. Dopo il Giro, Van der Poel si concentrerà sul Tour de France e sul Campionato del mondo su strada a Wollongong, in Australia.

Chiamata la foto sportiva del 2021: la caduta di Mathieu van der Poel a Tokyo dopo porta dello scaffale – foto: Cor Vos

La corsa olimpica di fondo si svolgerà a Elancourt, dove c’è una pista che assomiglierebbe a Nové Město. C’è una Coppa del Mondo il prossimo fine settimana, che MVDP è riuscito a vincere nel 2019. La classifica UCI è in testa per una possibile posizione di partenza a Parigi. Si tratta di una cosiddetta classifica scorrevole, dove contano solo i risultati degli ultimi dodici mesi. L’anno in cui Van der Poel ora si prende una pausa non influenzerà quindi la sua posizione di partenza nel 2024. Influirà su quella dei Mondiali, anche se l’UCI ha recentemente introdotto l’olandese. incontrare

Cambio di regole a favore di Van der Poel
La posizione di partenza alle Coppe del Mondo (le competizioni in cui è possibile raccogliere il maggior numero di punti UCI) è determinata da una serie di criteri. In un fine settimana di Coppa del Mondo, le gare di short track si svolgono invariabilmente il venerdì. Possono partecipare i primi sedici mountain biker della classifica di Coppa del Mondo, integrati dai successivi 24 mountain biker della classifica UCI. Van der Poel non può partecipare ai primi Mondiali, perché non ha più punti UCI nel 2023 e quindi non soddisfa i criteri.

Il risultato della gara di Short Track determina l’ordine di partenza della croce la domenica successiva. I primi 24 nella classifica short track inizieranno in base al loro risultato dalla prima, seconda o terza fila della griglia. Al quarto posto (posti dal 25 al 32) prenderanno il via i primi otto corridori della classifica UCI, che non sono finiti tra i primi 24 dello Short Track. La novità di quest’anno è una regola per la quinta fila† Nelle posizioni da 33 a 40 possono iniziare i corridori che sono tra i primi 10 della classifica individuale UCI in un’altra disciplina.

Van der Poel ai Mondiali di Nové Město 2021 nel giardino roccioso – foto: Cor Vos

In pratica, per Van der Poel, si tratta della classifica su strada (ora è ottavo a questo livello) e di quella ciclocross. Il quattro volte iridato dell’Alpecin-Fenix ​​è ora 89°, avendo corso solo due cross lo scorso inverno. Poiché anche questa è una classifica a rotazione, MVDP scalare più velocemente degli altri in questa classifica. Del resto i suoi concorrenti devono ottenere almeno lo stesso risultato al cross di un anno prima, per non perdere punti in classifica. Poiché Van der Poel ne ha guidati solo due, recupererà rapidamente i punti.

Il periodo di qualificazione è già iniziato
Nell’aggiornamento WielerFlits dell’inizio di maggio 2020, Van der Poel ha già annunciato di voler rimanere attivo nella mountain bike almeno fino alle Olimpiadi del 2024. periodo di tirocinio per i Giochi sono iniziati sabato scorso e dureranno fino al 26 maggio 2024. In questa classifica Special Olympics, l’UCI aggrega i punti totali dei primi tre mountain biker del paese. Seguirà una classifica per paese il 27 maggio 2024. I primi otto paesi di questa classifica possono inviare due mountain biker, per i numeri da nove a diciannove che rimangono uno.

L’unico paese che potrebbe iniziare con tre mountain biker è la Francia. In quanto paese ospitante, viene loro assegnato un posto in anticipo sia per gli uomini che per le donne. La scorsa estate, anche i primi tre paesi della classifica hanno potuto debuttare con tre partecipanti a Tokyo. In totale sono stati autorizzati a partecipare un massimo di 38 atleti per categoria, a Parigi sono 36. I mountain biker provenienti da paesi che non fanno parte dei primi 19 possono ottenere un posto per partecipare ai Campionati Continentali (escluse Europa e Oceania) e i Mondiali.


Van der Poel ha ritirato domenica la sua terza maglia rosa e l’ha portata in Italia – foto: Cor Vos

Vegliantino Trevisani

"Analista. Esperto di alcolici. Orgoglioso appassionato di Internet. Lettore incredibilmente umile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.