Mancini non teme il biglietto per il Mondiale in Italia dopo la dolorosa assenza di Jorginho | ADESSO

Venerdì sera l’Italia ha potuto fare un passo da gigante verso i Mondiali, ma a causa di un rigore sbagliato di Jorginho contro la Svizzera (1-1), il biglietto diretto non è più scontato. Il Ct della Nazionale Roberto Mancini non pensa allo scenario apocalittico nonostante un finale forse snervante.

“La situazione è diventata un po’ più complicata, ma ci qualificheremo per il Mondiale. Ne sono sicuro”, ha detto Mancini, 56 anni, dopo il deludente pareggio allo Stadio Olimpico. Cielo Italia

Italia e Svizzera si stavano dirigendo verso il pareggio da molto tempo, fino a quando l’arbitro Anthony Taylor ha segnato il punto all’ultimo minuto dopo l’interferenza del VAR. Jorginho ha avuto la possibilità di dare al suo paese un’ottima posizione da titolare in vista della fase finale, ma il centrocampista del Chelsea ha esagerato.

Non era la prima volta che Jorginho mancava da 11 yard, visto che nel primo incontro con la Svizzera a Basilea si era fatto parare il rigore. “Se queste sanzioni fossero state applicate, avremmo già ricevuto il biglietto per il Mondiale”, ha detto Mancini.

“Non è facile prendere un rigore in un momento così della partita. Se ne pente, ma fa anche parte del calcio. Forse nell’ultima partita possiamo finire le occasioni che ci sono rimaste adesso. mentire”.

Jorginho ha mancato proprio come nel primo incontro con la Svizzera dagli 11 metri.


Jorginho ha mancato proprio come nel primo incontro con la Svizzera dagli 11 metri.

Jorginho ha mancato proprio come nel primo incontro con la Svizzera dagli 11 metri.

Foto: SCIMMIA

L’Italia gioca in trasferta e deve fare attenzione alla differenza reti

A una partita dalla fine, Italia e Svizzera sono entrambe a quindici punti. I campioni d’Europa in carica lunedì giocheranno una trasferta contro l’Irlanda del Nord e la Bulgaria ospiterà la Svizzera. Se le due avversarie vincono entrambe, la differenza reti è decisiva. L’Italia è meglio posizionata in questo senso (+11 a +9).

Il numero uno si qualifica ai Mondiali e il numero due attende gli spareggi, che l’Italia vuole comunque evitare dopo la debacle di quattro anni fa. Gli ‘Azzurri’ sono stati eliminati agli spareggi dalla Svezia nelle qualificazioni ai Mondiali 2018 ed erano fuori da un campionato del mondo per la prima volta dal 1958.

Mancini non pensa a uno scenario del genere e vede nella differenza reti una spinta importante. “Due gol possono non sembrare tanti, ma sono due. E chi ha detto che la Bulgaria non può ottenere un risultato contro la Svizzera? Dobbiamo solo fare la nostra partita in Irlanda del Nord”.

Le partite decisive di Italia e Svizzera nel Gruppo C iniziano lunedì alle 20:45.

Eufemia Candreva

"Guru del bacon. Appassionato di Twitter in generale. Appassionato di cibo. Risolutore di problemi pluripremiato. Fanatico del caffè per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.