L’Ucraina candidata all’UE? Zelenski riceve oggi un messaggio da Bruxelles

Non si tratta di appartenenza diretta, lo sa anche Zelenski. L’Ucraina spera di diventare un membro candidato. Questo apre la strada ai negoziati di adesione.

“Stiamo combattendo per sopravvivere. Stiamo anche combattendo per diventare un membro paritario dell’Europa. Dimostra che sei dalla nostra parte”, ha detto Zelenski in precedenza.

se e ma

La Commissione europea presenterà oggi il parere. Ogni parola sarà studiata attentamente a kyiv. Perché l’Ucraina può diventare un membro candidato e possono iniziare i negoziati, oppure il parere contiene ancora le parole “se” e “ma”.

Se l’adesione del candidato è ancora soggetta a molte condizioni, il presidente ucraino si sentirà piuttosto ferito. “‘Siamo qui per difendere l’Europa, così anche l’Europa può restituire qualcosa’, è così che pensano”, afferma il corrispondente Jeroen Akkermans. Attualmente è in Ucraina.

L’umore sta cambiando

L’Aia è pronta al compromesso, vede Lambie. “Vedi l’umore cambiare lentamente. Nel gabinetto si sente: i Paesi Bassi non bloccheranno. Ci vorranno anni per l’effettivo adesione, se mai si arriva a questo. Alla fine di aprile, la Camera ha votato contro una mozione sull’acquisto dei candidati , alcuni partiti ora sono leggermente più positivi. Ad esempio, CDA è “om”. L’Ucraina merita sostegno, si sente lì.

Una volta pubblicato il parere della Commissione Europea, l’azienda pubblicherà una posizione ufficiale.

Sostegno all’Ucraina

In definitiva, il parere della Commissione Europea è importante, ma non decisivo. Sono i 27 paesi dell’UE che si occupano dell’adesione di nuovi Stati membri. La prossima settimana i capi di governo europei si incontreranno su questo tema in un vertice europeo.

La maggior parte dei paesi ora sostiene l’adesione dei candidati. I paesi dell’Europa orientale sono i più espliciti al riguardo. Ma anche i grandi paesi sono colpiti. I leader di Germania, Francia e Italia erano ieri a Kiev e hanno espresso il loro sostegno. “L’Ucraina appartiene alla famiglia europea”, ha affermato il cancelliere tedesco Scholz.

Il supporto è apprezzato in Ucraina, afferma Akkermans. “Finora pensavano: non ci resta che aspettare e vedere. Il fatto che si stia tracciando un percorso è molto apprezzato”.

i riluttanti Paesi Bassi

Allo stesso tempo, alcuni Stati membri continuano ad avere obiezioni. L’Olanda è un ragazzo così ribelle nella classe europea. Il gabinetto è contrario a una candidatura accelerata per l’adesione dell’Ucraina. Il governo ritiene che non sia giusto che l’Ucraina abbia la priorità sugli altri paesi.

“Negli ultimi mesi i Paesi Bassi sono stati molto esitanti. Insoddisfatto delle precedenti rapide espansioni, il nostro paese si sta trattenendo”, afferma il giornalista politico Fons Lambie. “Più UE non è un messaggio popolare alla Camera dei rappresentanti, quindi L’Aia insiste su una procedura attenta”.

Vista appartenenza

“Certamente per Rutte, è un fascicolo politicamente delicato”, dice Lambie. Nel 2016 la maggioranza ha votato contro in un referendum sull’accordo di associazione con l’Ucraina. Rutte fece quindi registrare le obiezioni olandesi in un’appendice. Ha detto che il trattato non dovrebbe essere un preludio all’adesione all’UE.

Sentiamo nei corridoi di Bruxelles che la Commissione ha ascoltato con preoccupazione anche gli Stati membri. Un possibile compromesso potrebbe essere l’adesione dei candidati con una serie di condizioni. Non è quello che Zelensky spera.

Lambie: “Sarebbe un tipico compromesso di Bruxelles, in cui l’Ucraina ha la prospettiva di adesione, ma si tiene conto delle obiezioni degli oppositori. Quello che accadrà sarà rivelato al vertice Ue la prossima settimana”.

Teofila Baresi

"Creatore. Secchione della birra sottilmente affascinante. Devoto fanatico degli zombi. Scrittore. Difensore malvagio dei social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.