L’Italia sequestra ville e barche all’oligarchia per fare pressione sulla Russia

ROMA, 5 mar. (Reuters) – La polizia italiana ha dichiarato sabato di aver sequestrato ville e barche per un valore di 143 milioni di euro (156 milioni di dollari) appartenenti a cinque russi che erano in cima alla lista dell’embargo dopo che Mosca ha invaso l’Ucraina. Leggi di più

Proprietà di lusso Due superboat sono state sequestrate ad alcune delle proprietà commerciali più preziose d’Italia – in Sardegna, Lago di Como e Toscana – nei porti del nord.

Le operazioni di polizia fanno parte di un’azione congiunta dei paesi occidentali

Iscriviti ora gratuitamente, accesso illimitato a Reuters.com

iscrizione

L’elenco, diffuso dall’ufficio del primo ministro Mario Tracy, mostra ora che il bene più prezioso nelle mani della polizia è la barca di 65 metri ‘Lady M’, che vale 65 milioni di euro e appartiene alle persone più ricche della Russia. Alessio Mortashov.

Fu catturato nel porto di Imperia.

La seconda nave di lusso, la Lena, fu catturata nel vicino porto di Sanremo. Vale circa 50 milioni di euro ed è di proprietà di Gennady Timchenko, che Putin ha descritto come uno dei suoi più stretti alleati.

L’imprenditore milionario Alisher Usmanov ha sequestrato una villa da 17 milioni di euro nell’isola mediterranea della Sardegna, mentre il parlamentare russo Oleg Savchenko possiede una casa del 17° secolo vicino alla cittadina toscana di Luca, del valore di circa 3 milioni di euro. Questo.

Il presentatore della TV di Stato Vladimir Solovyov ha sequestrato beni non divulgati per un valore di 8 milioni a Como. Si sarebbe lamentato Il mese scorso si è reso conto alla televisione russa del rischio di perdere le sue ville italiane.

“Ma ci hai detto che c’erano proprietà sacre in Europa”, ha detto a The Daily Beast.

Gli oligarchi russi hanno acquistato una serie di ville da insediamenti italiani negli ultimi 20 anni e fonti affermano che un certo numero di proprietà sarà sequestrato nei prossimi giorni.

Usmanov, il magnate del metallo e delle telecomunicazioni di origine uzbeka, è noto in Italia per possedere una serie di proprietà in Sardegna, mentre Mortazov possiede una villa del valore di 66 milioni di euro (72 milioni di dollari) sulla stessa isola, secondo i media italiani.

Tenendo conto del patrimonio di tutta la sua famiglia, il patrimonio netto delle pre-sanzioni di Mortasho è stato stimato in 29,1 miliardi di dollari.

Mirko Idili, coordinatore del sindacato Cisl in Sardegna, ha avvertito che le sanzioni e il basso numero di russi benestanti quest’estate potrebbero incidere negativamente sull’economia dell’isola e mettere a rischio più di 1.000 posti di lavoro.

La Divisione Indagini Finanziarie della Banca d’Italia ha ordinato venerdì alle banche italiane di segnalare immediatamente qualsiasi misura adottata per congelare i beni di persone fisiche e società quotate nell’UE. Leggi di più

($ 1 = 0,9152 euro)

Iscriviti ora gratuitamente, accesso illimitato a Reuters.com

iscrizione

Segnalazioni di Emilio Barodi e Giuseppe Fonde; Scritto da Christian Palmer; Montaggio di David Holmes

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Teofila Baresi

"Creatore. Secchione della birra sottilmente affascinante. Devoto fanatico degli zombi. Scrittore. Difensore malvagio dei social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.