La leader Alexandra Manly vince la seconda tappa del Turingia Ladies Tour

La leader Alexandra Manly vince la seconda tappa del Turingia Ladies Tour

giovedì 26 maggio 2022 alle 14:56

Alexandra Manly ottiene la sua seconda vittoria di tappa nel Turingia Ladies Tour. La 26enne australiana di BikeExchange-Jayco ha battuto la polacca Marta Lach e l’olandese Femke Gerritse in uno sprint in salita a Dörtendorf. Manly è anche ancora in testa alla multigiornaliera tedesca.

Giovedì, il Turingia Ladies Tour è proseguito con una tappa intorno a Dörtendorf. La terza tappa era lunga 129,2 chilometri e potrebbe essere descritta come collinare. I corridori hanno dovuto completare un circuito locale cinque volte, con una salita di 1,1 chilometri all’8,4% come baricentro di ritorno. Anche il traguardo si trovava qui alla fine della tappa, quindi dovevamo stare attenti alle donne con il necessario pugno alla gamba. Con l’australiana Alexandra Manly in maglia di leader, il gruppo ha iniziato la tappa prima di mezzogiorno.

L’italiano Bariani in attacco
Nonostante alcuni primi tentativi di attacco, la gara è rimasta chiusa nei primi chilometri. Dopo il primo giro si può ancora parlare di un gruppo compatto. I chilometri poi si susseguono rapidamente, il gruppo continua a rotolare molto. A una cinquantina di chilometri dal traguardo è decollata l’italiana Giorgia Bariani e la top girls Fassa Bortolo ha ottenuto lo spazio necessario dal gruppo. Il vantaggio di Bariani è cresciuto fino a due minuti, ma il 21enne non ha mai considerato la vittoria di tappa.

foto: Cor Vos

Nel gruppo, il ritmo è stato mantenuto dalle donne di BikeExchange-Jayco, la squadra di leader di Manly. Nella pianura aperta verso Dörtendorf, diverse squadre hanno improvvisamente visto l’opportunità di mettere da parte il gruppo. A più di trenta chilometri dal cronometro, il gruppo si è diviso in due: un primo gruppo di una quarantina di corridori è riuscito a separarsi. Quindi c’è stata una certa eccitazione nella gara, ma si è rivelata di breve durata. Poi abbiamo dovuto aspettare la marcia successiva ed è arrivata, ancora una volta, dal campo Top Girls di Fassa Bortolo.

Sulla strada per l’ultima salita
L’unico favorito Bariani è stato inghiottito dal gruppo poco prima dell’ultimo giro e quello si è rivelato essere il segnale per la compagna di squadra Greta Marturano di saltare. La 23enne italiana lanciata in battaglia a una ventina di chilometri dal traguardo, è riuscita ad allungare di mezzo minuto il distacco con il gruppo inseguitore, ma dopo uno sforzo di dieci chilometri la sua avventura era già finita. Da quel momento in poi è andato a passo svelto fino al tratto finale dell’ultimo chilometro di salita di 1,1 km (all’8,4%), dove la decisione doveva essere presa in questa tappa.

Lisa Brennauer, la campionessa tedesca Ceratizit-WNT Pro Cycling, ha preso il comando per i velocissimi chilometri verso la salita finale ed è riuscita a tirare su un nastro il gruppo assottigliato. Sulla salita stessa, Marta Lach, compagna di squadra di Brennauer, ha spinto forte verso la vetta. Il pilota polacco però non è riuscito a scappare e ha dovuto abbassare la testa negli ultimi cento metri dopo un’accelerazione di Manly. L’australiana ha ripreso a pedalare e ha registrato in modo convincente la sua seconda vittoria di tappa, il che significa che sta facendo ottimi affari anche in classifica.

Lach alla fine si è dovuto accontentare del secondo posto, l’olandese Femke Gerritse è arrivata terza. Sanne Cant è stato il miglior belga al sesto posto. Con Loes Adegest (settima) e Fem van Empel (nona), altre due donne olandesi sono finite nella top 10.

Vegliantino Trevisani

"Analista. Esperto di alcolici. Orgoglioso appassionato di Internet. Lettore incredibilmente umile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.