Jasper (19) è volato a Eindhoven, ma è finito in Italia

Jasper Piron di Geldrop è volato da Roma a Eindhoven venerdì sera, ma con sua sorpresa è tornato in terra italiana poche ore dopo. A causa della tempesta Eunice, l’aereo non ha potuto atterrare all’aeroporto di Eindhoven. Il pilota ha quindi deciso di tornare a casa invece di deviare verso un vicino aeroporto.

Già prima del volo, lo studente del secondo anno della Fontys Journalism School di Tilburg aveva dei dubbi. Il futuro giornalista, ovviamente, era a conoscenza della tempesta che imperversava in Europa, quindi aveva già previsto che il furto difficilmente avrebbe avuto luogo. “Quindi sono rimasto sorpreso che ce ne siamo andati”, dice il 19enne. Studio040

“Non ci siamo accorti della tempesta.”

Una volta montato, non c’era nulla nell’aria. “Il cielo era davvero sereno e non abbiamo notato la tempesta fino a quando non ci siamo avvicinati all’aeroporto di Eindhoven.” Lì il pilota ha cercato di atterrare, ma ha dovuto annullare questo tentativo perché l’aereo era troppo alto e il vento era troppo forte. Fallito anche un secondo tentativo. Poi ha seguito il messaggio per tornare indietro.

“Mi aspettavo che il pilota volasse a Colonia o in una città vicina, ma siamo tornati in Italia. Penso che volessero a tutti i costi l’equipaggio”, ha detto uno sbalordito Piron.

“C’era troppo poco cherosene.”

Ad esempio, Jasper e il suo compagno di classe non erano seduti a casa a tavola la sera, ma all’improvviso erano all’aeroporto di Bergamo. “Non c’era abbastanza cherosene per volare direttamente a Roma, quindi l’aereo è dovuto atterrare a Bergamo per fare rifornimento”.

Lì, Piron e il suo compagno di viaggio decidono di prendere in mano la situazione. Uscirono e prenotarono un hotel e biglietti aerei per il giorno successivo. “Perché non dovevamo fare affidamento sull’aiuto o sulle comunicazioni della compagnia aerea Ryanair. Abbiamo anche dovuto pagare le bevande sull’inaspettato volo di ritorno in Italia.

“Andrà di nuovo storto?

Tuttavia, c’è stato anche un momento clou durante questa pericolosa avventura. “All’hotel, ci è stato permesso di dormire nella stanza 040”. Ma per il resto, Jasper non ha molto da dire in positivo sulla situazione. “Come tutti gli altri passeggeri, mi chiedevo di cosa si trattasse.”

Come descriverebbe questa esperienza Jasper, 19 anni? “Come un brutto film.” Sabato, Piron prova ancora a volare a Eindhoven. “Ti viene in mente che le cose potrebbero ancora andare storte.” Questo giorno in più gli è finalmente costato qualche centinaio di euro. “E resta da vedere se riavrò i miei soldi”.

Vegliantino Trevisani

"Analista. Esperto di alcolici. Orgoglioso appassionato di Internet. Lettore incredibilmente umile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.