Il russo Karter è tornato (15 anni) alla polvere dopo il saluto nazista: “Accetto qualsiasi punizione” | Altri sport

Mentre veniva suonato l’inno nazionale, Severijukin gli diede un pugno al cuore con il pugno destro, quindi allungò brevemente il braccio destro. Il russo allora ha cominciato a ridere sonoramente.

La federazione internazionale degli sport motoristici FIA non sta prendendo la questione alla leggera e ha annunciato un’indagine sul “comportamento inaccettabile” di Severijukin. Il team di kart svedese Ward Racing dice di vergognarsi dell’azione del pilota. La dirigenza della squadra non vuole più lavorare con il russo e quindi rescinderà il suo contratto. “Ci scusiamo con tutti coloro che sono rimasti feriti da questo incidente”. Martedì pomeriggio è diventato la sua licenza vinto dalla Federazione Italiana Motorsport ACI.

L’adolescente guida con patente italiana e così gli è stato suonato l’inno nazionale italiano in Portogallo. Severijukin non può guidare sotto bandiera russa in questo momento a causa delle sanzioni contro il suo paese in seguito alla guerra in Ucraina.

L’adolescente si è scusato ieri sera in un breve video in inglese su Instagram e uno più lungo in russo. ,, accetto qualsiasi punizione. È stata una mossa inaccettabile”, ha detto Severijukin.

Guarda i nostri video sportivi di tendenza nella playlist qui sotto:

Vegliantino Trevisani

"Analista. Esperto di alcolici. Orgoglioso appassionato di Internet. Lettore incredibilmente umile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.