Il membro del PvdA Dick Benschop e i suoi dipendenti a Schiphol

Preferisco viaggiare in treno. Soprattutto ora che vedo tutta la miseria a Schiphol. Viaggiare in treno è molto più rilassato, molto più comodo. Ma mi piace anche l’atmosfera sulla banchina, il fischio quando le porte si aprono o si chiudono, il paesaggio mutevole e la vista voyeuristica dei cortili delle case lungo la linea ferroviaria.

Riassumendo: ho viaggiato in treno attraverso Germania, Austria, Ungheria, Italia, Belgio, Francia, Spagna, Portogallo, Inghilterra, Danimarca, Svezia, Finlandia, Russia, Lituania, Lettonia, Perù, Giappone, Thailandia, USA e anche su Java. Ovunque è un’esperienza diversa, ma ne vale sempre la pena. Che si tratti di rimbombare lungo il Reno, scalare una montagna a spirale o addirittura a zigzag, o attraverso seghe verdi e piantagioni di tè.

Faccio tesoro dei ricordi delle tante volte in cui mi sono rilassato con il treno notturno da Den Bosch a Bologna, o – quando quel servizio è stato interrotto – da Dusseldorf a Verona. Cenare al ristorante chic, dormire al ritmo del ke-denge-deng, svegliarsi la mattina con la vista delle cime innevate, annusare gli infiniti ingorghi sulle autostrade vicino a Modena.

Più economico

Ma a un certo punto si è scoperto che era più della metà più economico portare la famiglia in Italia e lì noleggiare un’auto per tre settimane. Bene, con quei risparmi, potresti facilmente permetterti una vacanza aerea in più in autunno. Non avevo idea che questi prezzi bassi dei biglietti fossero possibili a causa del puro sfruttamento del personale.

Di recente ho letto la storia di un giornalista di Volkskrant che ha lavorato sotto copertura a Schiphol per un mese come facchino. Ha descritto come, seduto in ginocchio nella stiva dell’aereo, ha dovuto ammucchiare le valigie a un ritmo frenetico. Tutto il giorno, per una paga oraria lorda inferiore a 11 euro! Un lavoratore domestico medio riceve tra i 15 ei 17,50 euro. Nero!

Ho pensato al dolore alla schiena, alle spalle e ai muscoli delle braccia che questo lavoro mi avrebbe causato. Quanto tempo durerò? E non mi sentivo davvero in colpa, ma un po’ complice. Anche se io stesso negli ultimi anni ho viaggiato solo con il bagaglio a mano (puoi fare il bucato ovunque); Avevo spudoratamente approfittato di un sistema riprovevole. È come indossare pantaloni cuciti da un bambino di 9 anni in una sartoria ad alto rischio a New Delhi.

Cosa è successo nel nostro paese prospero che intere professioni sono così sottopagate? Perché gli addetti ai bagagli e le guardie di sicurezza a Schiphol non sono isolati. Lo stesso giornalista di Volkskrant si è già infiltrato nei magazzini di bol.com e come autista di Uber. E non dimentichiamo i consegna pacchi. Le persone stanno guadando nel fango – anche nel settore sanitario, dell’istruzione e della polizia – e riescono a malapena a sbarcare il lunario.

signora gracchiante

Il grande capo di Schiphol, Dick Benschop, è scappato chiedendo scusa dopo la debacle all’inizio delle vacanze di maggio nelle notizie di NOS. In precedenza aveva chiesto a una signora gracchiante di accendere i carboni dal fuoco durante i talk show, ma ha fatto più male che bene. Con giorni di riprese televisive di file interminabili di vacanzieri, era necessaria un’artiglieria più pesante. Era in gioco la reputazione di Schiphol.

Dubito che Benschop sia la persona giusta per risolvere il problema di Schiphol. Se l’uomo ha fatto carriera soprattutto grazie al Partito Laburista, sa anche cosa significa essere un lavoratore… Non la penso così. Ad ogni modo, non riesce a raggiungere Jan Met de Pet. In qualità di responsabile della campagna del PvdA, è stato responsabile della drammatica perdita di 45-23 seggi parlamentari nel 2002, poi silenziosamente scomparso dalla politica.

Dal punto di vista finanziario, questo furto di striscioni non è stata una cattiva mossa per lui. A quel tempo, lo stipendio di un deputato era inferiore a centomila all’anno. Questo era ovviamente meno di quanto fosse abituato prima come Segretario di Stato. Ma senza dubbio la retribuzione alla Shell sarebbe stata molto migliore, soprattutto dopo che è diventato anche presidente nel 2011.

Le cose sono mai andate storte con questo socialista da salotto? Ha mai perso di vista la realtà? Beh, certo, non era solo nella Left Cocks Right Filling Association. Soffoca anche la politica di sinistra ad alto reddito con lavori secondari più redditizi di quelli che puoi contare sulle dita di due mani. Persino Wim Kok non ha resistito alla tentazione dopo la sua carica di premier ed è diventato un direttore di supervisione ben pagato presso ING Group, TPG Post, Shell e KLM. Lì ha accettato sostanziali aumenti di bonus dai migliori

Quando Dick Benschop è diventato il grande capo di Schiphol nel 2019, ha guadagnato 594.000 euro all’anno. Significativamente meno del suo predecessore Jos Nijhuis, che voleva rimanere nel 2017 solo se avesse mantenuto il suo vecchio stipendio di 9 tonnellate all’anno. Bene, è stato un po’ complicato con una società semi-statale in cui a volte veniva menzionato lo standard Balkenende. Stringendo i denti, il ministero ha accettato, ma il successore di Benschop è stato destituito con la modica cifra di 431.731 euro, esclusi i bonus fino al 20%.

Congratulazioni

Il sindacato FNV si è congratulato con Benschop all’inizio del 2020 per il suo stipendio per il 2019 – quasi 6 tonnellate – e ha invitato i membri a inviare un biglietto di congratulazioni al loro capo. Dopotutto, il nuovo amministratore delegato ha guadagnato, nonostante la riduzione, lo stesso ogni due settimane della maggior parte degli altri dipendenti aeroportuali – in base al salario minimo legale – per un anno intero.

Il cinismo dietro il messaggio di congratulazioni chiaramente non è sprofondato. Perché l’allora ministro delle finanze del CDA Wopke Hoekstra annunciò quasi contemporaneamente che i direttori di sorveglianza di Schiphol avrebbero dovuto migliorare finanziariamente. Fino ad allora ricevevano solo 30.000 euro ciascuno per quattro riunioni all’anno, che dovevano essere aumentate a 36.000, quindi 9.000 euro per riunione invece di 7.500.

Benschop è ora diventato il Kop van Jut nazionale e, proprio come il CEO di Philips Frans van Houten, dovrà temere per il suo bonus. Tutto ciò che non va nel posto di lavoro nei Paesi Bassi è ora nella persona di Dick Benschop.

Beau van Erven Dorens ha definito coraggioso che il capo di Schiphol sia apparso al tavolo del suo talk show. Il consulente per le pubbliche relazioni di Benschop gli aveva probabilmente sussurrato che Beau era di gran lunga la scelta migliore per tutti. Che dovrebbe soprattutto stare lontano da questa acerbata Mariëlle Tweebeeke, dal pubblico ministero Maaike Schoon o da questo cinico-velenoso Sven Kokkelman.

Ma è stato deludente. Beau ci è entrato inaspettatamente, l’amministratore delegato ha ripetutamente affermato di essere stato già avvertito dal sindacato FNV lo scorso ottobre che le cose stavano andando nella direzione sbagliata. E se il presentatore si è trattenuto per un momento, c’era Gerard Joling, membro del VVD purosangue, a dire al membro del PvdA Benschop che nessuno vuole fare questo lavoro di merda per un centesimo.

“Ci siamo concentrati troppo sui costi e troppo poco sulla qualità”, ha voluto ammettere Benschop dopo un torrente di colpe al tavolo. Ma poi con un tono come se tutto fosse successo senza di lui. Ancora più sorprendente è stata la sua soluzione alle folle estive: cancellare i voli.

Nel frattempo, l’agenzia di viaggi Corendon si sta spostando sempre più negli aeroporti della Germania, TUI si sta spostando improvvisamente verso le gite in città con il treno notturno e i venditori di roulotte e camper stanno registrando un fatturato come mai prima d’ora.

Mi chiedo come andrà in vacanza lo stesso Dick Benschop la prossima estate. Ma poi renditi conto che per la business class hai code diverse (leggi: più brevi). E con un abbonamento per una scansione dell’iris Privium (da € 110 a € 260 all’anno) puoi anche passare la sicurezza e la dogana in pochissimo tempo.


Vegliantino Trevisani

"Analista. Esperto di alcolici. Orgoglioso appassionato di Internet. Lettore incredibilmente umile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.