Il fattorino flash Zapp vuole fermarsi nei Paesi Bassi

Il fornitore di flash Zapp prevede di sospendere tutte le attività nei Paesi Bassi. La società ha annunciato mercoledì in un’e-mail a tutti i dipendenti, che è stata inviata da NRC è stato riconosciuto.

Un servizio come Zapp non sarebbe più “percorribile” in Olanda, ora che il comune di Amsterdam, tra gli altri, ha bandito i centri di distribuzione, i cosiddetti “dark store”, dalle zone residenziali. Zapp, un servizio che consegna la spesa a casa in quindici minuti, impiega diverse centinaia di persone nei Paesi Bassi.

La società britannica afferma di non essere in grado di tenere il passo con la crescita prevista, in parte a causa della “continua incertezza normativa nei Paesi Bassi”. Poco più di un anno dopo il lancio di Zapp nei Paesi Bassi, l’azienda afferma che è ancora lungi dall’essere redditizio.

Zapp afferma di aver fatto del suo meglio di recente per convincere i comuni dell’importanza dei servizi flash per i consumatori e l’occupazione. Tuttavia, “per quanto coraggiosi siano stati questi sforzi, il sentimento politico nei confronti del nostro settore nei Paesi Bassi rimane in gran parte negativo”, si legge nell’e-mail.

Il comune di Amsterdam ha annunciato a maggio di voler escludere tutti i centri di distribuzione dalle aree residenziali perché le attività delle società di consegna di autovelox sarebbero in conflitto con i piani di zonizzazione. I nuovi negozi bui possono aprire solo nelle aree industriali. A causa della nuova politica, Zapp ha dovuto chiudere due dei cinque centri di distribuzione ad Amsterdam. I concorrenti Getir e Gorillas hanno avviato un’azione legale contro il comune per bloccare la chiusura delle loro filiali nel distretto di De Pijp. In ogni caso, i siti dei Gorilla e dei Getir rimarranno aperti fino a quando non si pronuncia il tribunale. Il caso tra Gorillas e il comune è stato archiviato lunedì scorso. Il caso di Getir sarà ascoltato il 6 luglio.

Zapp pensa che ci vorranno “anni” per annullare la decisione del consiglio. Nel frattempo, poiché può operare solo a una distanza maggiore dal cliente, l’azienda non può mantenere la sua promessa di consegna rapida. Il servizio di consegna flash afferma di essere in trattative con dipendenti, sindacati e UWV per lasciare i Paesi Bassi. La decisione finale richiederà “qualche settimana”.

I servizi di consegna flash sono sottoposti a forti pressioni da parte di governi e investitori. Le aziende sono molto in perdita e lottano per raccogliere nuovi capitali a causa dell’aumento dei tassi di interesse. È stato recentemente rivelato che Gorillas spende tra $ 60 milioni e $ 90 milioni al mese per gestire l’attività.

Per questo motivo, i servizi stanno ora realizzando risparmi sui costi a un ritmo rapido. Alla fine di maggio, Zapp ha già annunciato che licenzierà circa il 10% di tutti i dipendenti, ovvero da due a trecento persone nel mondo. I gorilla hanno anche licenziato 300 dipendenti presso la sede di Berlino e hanno lasciato Italia, Spagna, Danimarca e Belgio, tra gli altri luoghi.

Con la collaborazione di Sezen Moeliker

Eufemia Candreva

"Guru del bacon. Appassionato di Twitter in generale. Appassionato di cibo. Risolutore di problemi pluripremiato. Fanatico del caffè per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.