Hindley piega il Giro a suo piacimento se Carapaz deve passare, Covi vince la tappa

Il debuttante del Giro Gijs Leemreize ha voluto fare tutto il possibile nell’ultima tappa di montagna. “Ci siamo riusciti”, ride il corridore della Jumbo-Visma dopo la difficile tappa di montagna in cui ha attaccato salita dopo salita.

“Era una lotta per il tuo posto, ma volevo partecipare. Quando il gruppo si è allontanato, sono saltato verso di lui. Verso la prima salita si è girato bene, ma nella prima salita avevo le gambe pesanti. Non mi sento come se potessi correre di nuovo tra i primi 10”.

Questo browser non è supportato per la riproduzione di video. Aggiorna il tuo browser a Internet Explorer 10 o versioni successive per riprodurre il video.

“Ma anche se tutto mi faceva male, ho cercato di continuare ad attaccare. La mia forza è che, se non mi spingo, posso tenere il passo. È importante con tre salite difficili”.

L’organizzazione all’inseguimento di Covi non ha funzionato, quindi l’italiano è riuscito a stare alla larga. “Ci sono stati tutti, ecco perché non è venuto fuori”.

Ma in generale, Leemreize è un principiante soddisfatto. “Promette qualcosa di bello per il futuro. Sono felice di aver scoperto questo Giro che sono bravo nella terza settimana di un Grand Tour”.

Teofila Baresi

"Creatore. Secchione della birra sottilmente affascinante. Devoto fanatico degli zombi. Scrittore. Difensore malvagio dei social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.