Guerra Ucraina Russia Armi nucleari Zelensky Putin Gasolio UE NATO Svezia Finlandia Kaliningrad Donbas Severodonetsk Mosca USA Biden Russi

Internazionalegiu 21.’22 06:18AutoreEditori Web BNR

È il giorno 117 della guerra in Ucraina. Il ministero degli Esteri russo vuole parlare con l’ambasciatore Ue Markus Ederer della situazione a Kaliningrad, nessuno degli stati membri dell’Ue si è opposto all’adesione di Ucraina e Moldova e Mosca minaccia di perseguire due “mercenari” americani. Segui gli ultimi sviluppi in questo blog live.

Un soldato ucraino su un carro armato nella regione di Donetsk. ANP/Stampa Associata

Governatore di Kaliningrad: martedì l’ambasciatore Ue si spiegherà

23:42 | Il ministero degli Esteri russo vuole parlare martedì con l’ambasciatore dell’UE Markus Ederer, ha detto lunedì sera alla televisione russa il governatore di Kaliningrad. “Questa è una situazione che può ovviamente essere risolta diplomaticamente”, ha affermato Anton Alikhanov.

L’importante porto navale russo di Kaliningrad si trova sul Mar Baltico ed è circondato da Lituania e Polonia. La Russia rifornisce l’enclave per ferrovia attraverso la Lituania, ma da venerdì il paese dell’UE ha smesso di consentire il passaggio di acciaio e altre cose poiché rientra nelle sanzioni dell’UE contro la Russia.

“Per quanto ne so, Marcus Ederer, l’ambasciatore dell’UE in Russia, sarà convocato al ministero degli Esteri martedì, dove sarà informato sulle azioni appropriate qui”, ha detto Alikhanov.

Il ministero deve ancora confermare ufficialmente la visita di Ederer.

I paesi dell’UE non si oppongono allo status di candidato dell’Ucraina

23:29 | La strada per Ucraina e Moldova sembra chiara per diventare candidati all’adesione all’Unione Europea. Nessuno degli Stati membri dell’UE ha sollevato obiezioni in preparazione del vertice dell’UE che deciderà entro questa settimana, secondo fonti a Bruxelles.

I Paesi Bassi e un certo numero di paesi inizialmente critici nei confronti dell’UE avevano già espresso il loro sostegno prima che gli ambasciatori dei 27 Stati membri si incontrassero lunedì sera. Ciò è particolarmente vero in Danimarca, Svezia e Portogallo. Nei giorni scorsi si sono affiancati accaniti sostenitori come Polonia e Paesi baltici e pesi massimi Germania, Francia e Italia, che con il loro supporto hanno dato vento in poppa alla raccomandazione della Commissione Europea.

Alcuni Stati membri dell’Europa orientale commentano che l’UE dovrebbe escludere anche la Bosnia e/o altri paesi che aspettano da tempo un membro candidato. Ma la Slovenia, che sta guidando la questione, non vuole farne una condizione per sostenere lo status di candidato dell’Ucraina, secondo un portavoce. La Slovenia ei suoi sostenitori, inclusa l’Ungheria, alleata di lunga data della Russia, sostengono con entusiasmo l’accoglienza dell’Ucraina.

Mosca minaccia di perseguire i “mercenari” americani imprigionati

22:53 | I due americani catturati dalle truppe russe in Ucraina sono “mercenari” impegnati in attività illegali, ha detto il Cremlino. Devono essere ritenuti responsabili dei loro “crimini”, ha riferito l’agenzia di stampa russa RIA.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha anche affermato che questi detenuti non sono coperti dalla Convenzione di Ginevra perché non sono truppe regolari. Ha detto che hanno sparato ai soldati russi e hanno messo le loro vite in pericolo. Secondo Peskov, è accertato che gli americani hanno commesso crimini e ha annunciato che erano sotto inchiesta.

È la prima volta che il Cremlino ha ufficialmente riconosciuto che i due uomini, Alexander Drueke, 39 anni, e Andy Tai Huynh (27), sono stati imprigionati. Entrambi hanno precedentemente prestato servizio nell’esercito americano e si sono recati in Ucraina per combattere i russi come volontari. I parenti erano preoccupati da tempo per gli ex soldati, poiché da tempo non avevano loro notizie.

Un tribunale della regione filorussa di Donetsk, nell’Ucraina orientale, aveva già condannato a morte due britannici e un marocchino per aver partecipato come “mercenari” alla guerra a fianco dell’Ucraina. Il ministero degli Esteri di Mosca ha poi sottolineato che in quanto mercenari non sono protetti dal diritto umanitario internazionale.

Teofila Baresi

"Creatore. Secchione della birra sottilmente affascinante. Devoto fanatico degli zombi. Scrittore. Difensore malvagio dei social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.