Giudice italiano: licenziato a torto un conduttore troppo zelante

Francesco Bonanno, 61 anni, è stato multato di 5mila macchinista nel nord Italia in soli due anni. Il giornale inglese Il guardiano scrive che si trattava di tutti i tipi di violazioni.

Bonanno ha multato i passeggeri del treno che sono saliti a bordo senza biglietto, le persone che hanno sbagliato rotta o acquistato un biglietto nella data sbagliata.

Multe ingiuste

Fu licenziato nel 2017 dal vettore Trenitalia dopo aver dovuto rimborsare ai viaggiatori circa 10.000 euro per sanzioni ingiustamente inflitte. Bonanno è andato in tribunale per impugnare il suo licenziamento.

La massima corte italiana giudica che il conduttore abbia operato con “insolito zelo”. Era inesorabile per i viaggiatori che infrangevano le regole. Tuttavia, il giudice ha anche stabilito che Bonanno “ha appena fatto il suo lavoro”, seppur in “modo estremamente preciso”. Non ha intascato i soldi che ha raccolto dalle multe.

‘Paradossale’

L’autista deve quindi essere riassunto dall’azienda. Dice in una risposta che il suo “incubo” con la sentenza del giudice è finito. Il suo avvocato dice di non aver mai sentito parlare di qualcuno che è stato licenziato per aver lavorato troppo.

“Che paradosso se ci pensi”, ha detto al quotidiano britannico. “Questo macchinista ha raccolto più di 200.000 euro per il vettore perché ha multato persone senza biglietto ed è stato quindi licenziato”.

Rosalva Milani

"Professionista di Twitter. Evangelista della birra. Giocatore freelance. Introverso. Appassionato di bacon. Webaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.