Giancarlo Minardi vede avvicinarsi la fine della carriera di Lewis Hamilton: ‘La scelta di Russell è un chiaro segnale’

Gian Carlo Minardi, nuovo presidente della commissione delle monoposto FIA, vede George Russell fare meglio del compagno di squadra Lewis Hamilton con la difficilissima W13. L’italiano ritiene che se la situazione non cambierà, il sette volte iridato potrebbe pensare al ritiro anticipato.

Tutto sembrava a posto per Hamilton alla fine dello scorso anno. Il britannico sembrava essere sulla buona strada per il suo ottavo titolo mondiale fino all’ultimo giro della gara finale. Alla fine è stato fermato e Max Verstappen è stato in grado di tirare più a lungo nell’intenso combattimento. Senza dubbio la delusione perseguiterà ancora il britannico, vista la scarsa W13 con cui dovrà competere quest’anno. Negli ultimi anni Hamilton è stato estremamente dominante in combinazione con la Mercedes e quella posizione di lusso potrebbe giocare brutti scherzi quest’anno. Russell ha imparato dalla sua esperienza alla Williams negli ultimi anni per ottenere il massimo da un’auto minore e questo potrebbe aiutarlo in questa stagione.

Russell meglio preparato

Davanti all’italiano Sport nautici Minardi spiega la sua visione della situazione. “In primo luogo, Russell è un grande pilota e devi solo guardare i suoi risultati nelle classi di Formula 1. In secondo luogo, è stato su una macchina molto lenta (Williams) per molto tempo”, spiega il 74enne. italiano da. Menziona anche il vantaggio per il pilota proveniente dalla Williams. “Ecco perché penso che ora sia meglio preparato per una situazione minore di un Hamilton che era abituato a guidare macchine estremamente veloci senza particolari problemi”, ha continuato.

La squadra si affida a Russell

Il sette volte campione ha un contratto con la Mercedes fino alla fine del 2023. Sir Lewis non dovrebbe gettare la spugna a breve. Ma se i risultati non ci sono, la squadra può contare su Russell. Di conseguenza, qualsiasi tentativo di ottavo titolo potrebbe fallire. Minardi pensa che il ritiro stia perseguitando Hamilton. “Non lo so, vedremo. Soprattutto con l’evolversi della situazione in Mercedes e in tutta onestà la scelta di Russell per il futuro è chiaramente un segno”, conclude Minardi.

Vegliantino Trevisani

"Analista. Esperto di alcolici. Orgoglioso appassionato di Internet. Lettore incredibilmente umile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.