Esplosione di gas in Sicilia: quattro morti e cinque dispersi

Le prime due vittime trovate sono un uomo e una donna. L’identità della terza e della quarta vittima non è stata ancora stabilita.

Una donna anziana è stata salvata da uno degli edifici danneggiati. Ha riportato ferite lievi ed è stata portata in un vicino ospedale. Ore dopo, una seconda donna è stata estratta viva dalle macerie. Possono essere sorelle o cognate.

Le immagini mostrano la strada piena di macerie e incendi violenti:

Una delle persone che non è stata ancora trovata è una donna incinta. Contrariamente a quanto riportato in precedenza, non mancano più bambini. A Ravanusa sono giunti in aiuto i soccorsi da tutta la Sicilia. I cani sono anche usati per cercare persone sotto le macerie.

Ravanusa si trova a metà dell’isola, a circa mezz’ora di macchina dalla costa meridionale.

Completamente distrutto

I dispersi risiedevano nello stesso edificio di via Galileo Galilei a Ravanusa al momento dell’esplosione. Questo edificio è stato completamente distrutto dall’esplosione di gas.

Ciò è stato causato da un accumulo di gas in una stanza chiusa dopo una fuga di gas. La causa esatta della sua esplosione sarà indagata nei prossimi giorni, ha detto all’ANSA il capo dei vigili del fuoco.

“Il tetto è crollato”

“Improvvisamente la luce si è spenta e il tetto è crollato”, ha detto Rosa Carmina, 80 anni, che è stata salvata. È finita sotto le macerie ed è stata trovata perché ha chiamato i soccorsi.

“Sembra Beirut”, ha detto sul posto all’Adnkronos, altra agenzia di stampa italiana, il capo della protezione civile regionale.

Il pubblico ministero ha già aperto un’indagine penale per stabilire se le persone siano responsabili dell’incidente.

Fiorello Venturi

"Guru di zombi estremo. Amante del web. Appassionato fanatico della birra. Organizzatore sottilmente affascinante. Tipico ninja del caffè."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.