Echa: il glifosato non provoca il cancro

Gli erbicidi a base del principio attivo glifosato non causano il cancro negli esseri umani, secondo l’Agenzia europea per le sostanze chimiche (Echa).

Echa pubblica questa settimana un parere scientifico che la Commissione Europea utilizzerà per una raccomandazione sull’autorizzazione della controversa sostanza glifosato. L’Unione europea prenderà finalmente una decisione definitiva su questo tema con ritardo nel luglio 2023.

Il sito politico Politico riporta che il comitato di valutazione del rischio di Echa ritiene che le prove scientifiche disponibili non soddisfino i criteri per classificare il glifosato come sostanza cancerogena, mutagena o tossica per la riproduzione. Questo consiglio non è diverso dalla posizione assunta da Echa nel 2017, quando non riuscì nemmeno a classificare il glifosato come cancerogeno.

Anche allora, Echa ha concluso che il glifosato può causare gravi danni agli occhi ed è tossico per gli organismi acquatici. Il consiglio di Echa influenzerà la decisione dell’Unione Europea sul glifosato. Il compito di Echa è solo quello di esaminare il rischio intrinseco di una sostanza, non il rischio effettivo che causa il danno. L’Autorità italiana per la sicurezza alimentare sta esaminando questa parte in uno studio parallelo.

Eufemia Candreva

"Guru del bacon. Appassionato di Twitter in generale. Appassionato di cibo. Risolutore di problemi pluripremiato. Fanatico del caffè per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.