Calore sanguinolento, ma aria condizionata a 25 gradi minimo: in Italia diventa d’obbligo

Supponiamo che tu sia al lavoro o a scuola in una giornata torrida e afosa. Probabilmente l’hai sperimentato. Divertiti a sudare con tutti quelli che ti circondano. Se ci fosse un condizionatore d’aria, probabilmente vorresti impostarlo su “bello e fresco”. In Italia questo non è più possibile ovunque da domenica.

1. Cosa cambierà in Italia?

Come accennato, i condizionatori d’aria sono termoregolati. Da domenica l’aria condizionata non può essere regolata sotto i 25 gradi in estate. In inverno, ai termostati si applica una temperatura massima di 19 gradi.

Una piccola comodità per chi ha prenotato una vacanza estiva in Italia e ha paura di sudare la camera d’albergo: al momento le regole valgono solo per le scuole e gli edifici governativi. Se non rispettano le regole, possono essere multati tra 500 e 3000 euro.

Non è ancora del tutto chiaro come verrà applicata la norma. Si prevede che l’ispettorato del lavoro effettui i controlli. La situazione eccezionale si applica almeno fino al 31 marzo del prossimo anno.

2. Perché l’Italia lo farà?

Il fattore più importante: la guerra in Ucraina. E soprattutto la dipendenza dall’energia russa. Molti paesi europei vogliono ridurre questa dipendenza. Anche Italia. Solo Italia.

Perché gli italiani dipendono molto dall’energia russa. Basta guardare questa tabella:

Il 40% del gas utilizzato in Italia proviene dalla Russia. A titolo di confronto: da noi è “solo” il 15%. “La dipendenza dalla Russia è più che raddoppiata negli ultimi 30 anni”, ha detto il corrispondente Anouk Boone. “Ciò corrisponde a un aumento dei consumi”.

“Ma ora questa marea deve essere invertita. Oltre alla missione ecologica europea, gli italiani si rendono conto anche che la guerra in Ucraina ha cambiato radicalmente i legami con la Russia”.

3. Questa misura sarà davvero di aiuto?

Sembra così. Almeno se ascolti Renato Brunetta, il Ministro della Pubblica Amministrazione italiano. Secondo lui, il 57% dei costi energetici negli edifici governativi è causato dal controllo della temperatura. Questa misura di condizionamento sembra quindi in grado di ridurre notevolmente la dipendenza dalla Russia.

Boone vede anche la misura come un passo nella giusta direzione. “Ma ovviamente i dipendenti pubblici non devono voltare le spalle alla scrivania in estate e lavorare da casa con l’aria condizionata a tutto volume”. Non è ancora chiaro se l’Italia cercherà di impedirlo con delle regole.

Che altro fa l’Italia?

La misura dell’aria condizionata non è certo l’unica cosa che l’Italia sta facendo per ridurre la sua dipendenza dalla Russia. Ad esempio, il paese sta investendo più che raddoppiando l’energia eolica e solare. Anche la società pubblica Terna, gestore della rete di trasporto dell’energia, sta investendo 10 miliardi di euro nei prossimi quattro anni per rinnovare la rete elettrica.

L’Italia guarda anche ad altri paesi per importare gas. Ad esempio, nell’Algeria nordafricana. Il corrispondente Boone riferisce che l’azienda energetica italiana Eni ha firmato un accordo con l’Algeria per la fornitura di ulteriori 9 miliardi di metri cubi di gas. Questo dà alle importazioni dall’Algeria un aumento di circa il 50%.

4. Come reagiscono gli italiani al provvedimento?

“Sono principalmente i problemi del giorno”, dice Boone. “La gente ne sta sicuramente parlando. Non solo per le strade, ma anche sui social media, come Twitter. Lì vedi il solito trambusto, ma anche i meme”.

“Il tweet sopra mostra che le persone trovano condiscendente la misura dell’aria condizionata. Si vede il premier Draghi che guarda attraverso l’aria condizionata, con uno sguardo controllato. Molti italiani non credono che la misura farà la differenza in guerra”, dice Boone.

Non ci sono problemi immediati per tutti e gli italiani ovviamente sono abituati a qualcosa in fatto di caldo, dice Boone. «Dobbiamo anche tenere presente che l’aria condizionata non è un lusso ovunque, ma sarà difficile, soprattutto al sud. Ma se si sfruttano i 47 gradi, proprio come l’estate scorsa, 25 gradi all’interno potrebbero sembrare una boccata d’aria fresca .”

“E l’inverno può fare freddo in alcune parti d’Italia. Quindi le persone si indosseranno strati extra e accenderanno i fornelli. Anche se può aiutare anche un espresso in più con un bicchierino di alcol”.

5. Il provvedimento ha vantaggi anche per gli stessi italiani?

La misurazione dell’aria condizionata è forse una buona cosa in campo sanitario. Secondo gli esperti, una differenza troppo grande tra la temperatura esterna e quella interna non fa bene a una persona. Healthnet.nl dice che l’aria condizionata non dovrebbe essere più fredda di sei gradi rispetto alla temperatura esterna. Perché una differenza troppo grande può causare problemi respiratori e raffreddore.

Vegliantino Trevisani

"Analista. Esperto di alcolici. Orgoglioso appassionato di Internet. Lettore incredibilmente umile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.